Il GDPR e i meccanismi di certificazione

/, Privacy/Il GDPR e i meccanismi di certificazione

Il GDPR e i meccanismi di certificazione

In Italia, esistono Standard proprietari conformi al GDPR ma, a onor del vero, un unico meccanismo di certificazione valido in tutta la UE é ancora là da essere riconosciuto come universalmente validato.

A riguardo, durante la partecipazione ad alcuni convegni sento dire quanto sia controproducente, da parte delle Organizzazioni,  l’adozione di un siffatto meccanismo.

Rimango basito!

Innanzitutto, ricordiamo tutti che “gli Stati membri, le autorità di controllo, il comitato e la Commissione incoraggiano, in particolare a livello di Unione, l’istituzione di meccanismi di certificazione della protezione dei dati” …
… e questo vorrà dire qualcosa, no?   

In secondo luogo è fondamentale sapere che, sebbene l’istituzione del meccanismo di certificazione sia facoltativa, l’adeguata implementazione e idonea applicazione di un sistema di gestione per la protezione dei dati è uno dei fattori presi in considerazione per calmierare l’entità delle sanzioni amministrative, qualora comminate.

È vero! Una volta che s’intraprende questo cammino virtuoso … non si può più tornare indietro, pena il rischio di:

  1. vedersi revocata la certificazione,
  2. vedere comunicata la revoca della certificazione all’autorità di controllo
  3. ritrovarsi ancor più vulnerabili di fronte alle eventuali ispezioni circa l’applicazione del Regolamento.

Ma mi chiedo:

  • qualunque Sistema di gestione aziendale, e quindi anche il DPMS (Data Protection Management System), non ha come mission quello di sollecitare l’organizzazione a dare sempre il meglio di sé?
  • Perché temere il peggio  se l’Organizzazione si struttura adeguatamente in modo da garantire la propria compliance a tutte le norme di legge … e di sistema?
  • Perché soffermarsi e vedere il bicchiere mezzo vuoto invece di cogliere un’opportunità per dare ancor più valore all’immagine, alla propria reputazione ed alle proprie risorse umane?

Un’altra riflessione è doverosa, in questa sede.

L’Organizzazione che voglia assumere in toto la paternità della propria compliance al GDPR può, in alternativa, ricorrere alla linea guida UNI ISO 19600:2016 – Sistemi di gestione della conformità (compliance) – Linee guida quale utile e validato riferimento ed evidenza oggettiva circa l’adeguamento al Regolamento. Certo, non si può parlare di certificazione bensì di attestazione … ed è sempre un primo passo, no?

In conclusione:

  1. ben venga qualunque evidenza volta a dimostrare l’osservanza e l’adeguatezza al GDPR;
  2. ben venga l’adozione di meccanismi di certificazione e di codici di condotta che possono calmierare l’entità di eventuali sanzioni;
  3. ben venga, più di ogni altra cosa, l’istituzione di un modello organizzativo che, oltre a dare evidenza della propria conformità ai requisiti, costituisca quel corpus di istruzioni che dettano i più appropriati comportamenti in grado di rassicurare i propri clienti ed interessati e di esaltare le proprie risorse, l’identità aziendale e chi, della tua Organizzazione, è parte attiva.

Marcello Colaianni
DPO e Privacy Consultant KHC Certified n. 2108
Data Protection Auditor KHC Certified n. 2121

By |2018-05-17T16:16:40+00:00febbraio 20th, 2018|Marcello Colaianni, Privacy|Commenti disabilitati su Il GDPR e i meccanismi di certificazione