editor

/consulting

About consulting

This author has not yet filled in any details.
So far consulting has created 4 blog entries.

Il GDPR e i meccanismi di certificazione

In Italia, esistono Standard proprietari conformi al GDPR ma, a onor del vero, un unico meccanismo di certificazione valido in tutta la UE é ancora là da essere riconosciuto come universalmente validato.

A riguardo, durante la partecipazione ad alcuni convegni sento dire quanto sia controproducente, da parte delle Organizzazioni,  l’adozione di un siffatto meccanismo.

Rimango basito!

Innanzitutto, ricordiamo tutti che “gli Stati membri, le autorità di controllo, il comitato e la Commissione incoraggiano, in particolare a livello di Unione, l’istituzione di meccanismi di certificazione della protezione dei dati” …
… e questo vorrà dire qualcosa, no?   

In secondo luogo è fondamentale sapere che, sebbene l’istituzione del meccanismo di certificazione sia facoltativa, l’adeguata implementazione e idonea applicazione di un sistema di gestione per la protezione dei dati è uno dei fattori presi in considerazione per calmierare l’entità delle sanzioni amministrative, qualora comminate.

È vero! Una volta che s’intraprende questo cammino virtuoso … non si può più tornare indietro, pena il rischio di:

  1. vedersi revocata la certificazione,
  2. vedere comunicata la revoca della certificazione all’autorità di controllo
  3. ritrovarsi ancor più vulnerabili di fronte alle eventuali ispezioni circa l’applicazione del Regolamento.

Ma mi chiedo:

  • qualunque Sistema di gestione aziendale, e quindi anche il DPMS (Data Protection Management System), non ha come mission quello di sollecitare l’organizzazione a dare sempre il meglio di sé?
  • Perché temere il peggio  se l’Organizzazione si struttura adeguatamente in modo da garantire la propria compliance a tutte le norme di legge … e di sistema?
  • Perché soffermarsi e vedere il bicchiere mezzo vuoto invece di cogliere un’opportunità per dare ancor più valore all’immagine, alla propria reputazione ed alle proprie risorse umane?

Un’altra riflessione è doverosa, in questa sede.

L’Organizzazione che voglia assumere in toto la paternità della propria compliance al GDPR può, in […]

By |2018-05-17T16:16:40+00:00febbraio 20th, 2018|Marcello Colaianni, Privacy|Commenti disabilitati su Il GDPR e i meccanismi di certificazione

I partiti, i Sindacati e il GDPR

I partiti e i sindacati sono chiamati ad adeguarsi al Regolamento UE 679/2016 in materia di protezione delle persone fisiche con riferimento ai dati personali ed alla loro circolazione?

Assolutamente si!
A maggior ragione considerando che per definizione questi soggetti trattano non solo i “comuni” dati personali, ma altrettante e fondamentali categorie di dati particolari ovvero sensibili, cioè quelli che “rivelano (…), le opinioni politiche, (…), o l’appartenenza sindacale (…)”.  

A cosa sono tenuti? Naturalmente a tutte le incombenze previste per la generalità delle Organizzazioni. Quindi, le consuete Informative e Richieste di consenso, l’identificazione e nomina delle figure della privacy, la tenuta del Registro dei trattamenti e, non ultimo, la nomina del Responsabile della protezione dei dati (RPD/DPO).

A cosa vanno incontro, in ipotesi di mancata osservanza ai requisiti di legge? Al rischio sanzioni amministrative fino a € 10 mln o 20 mln in base alla tipologia di requisiti disattesi ed ai successivi comportamenti nonché alle sanzioni penali introdotte dai singoli stati membri.

Quali sono i rischi per la protezione dei dati personali in ambito partitico o sindacale? Sono quelli che emergono da una puntuale e constestualizzata valutazione dei rischi con riferimento ai dati personali dell’iscritto durante il rapporto con il partito/sindacato.

Vi è anche l’obbligo di predisposizione della Valutazione d’impatto?
Assolutamente si! Per gli stessi motivi per cui sono tenuti alla designazione del RPD.
C’è qualche scappatoia per evitare di esserne assoggettati?

NO! E se il nostro legislatore intervenisse in questi termini l’Italia sarebbe per questo soggetta a sanzioni da parte della Unione europea.

Marcello Colaianni
DPO e Privacy Consultant KHC Certified n. 2108
Data Protection Auditor KHC Certified n. 2121

By |2018-05-17T16:35:34+00:00febbraio 5th, 2018|Marcello Colaianni, Privacy, Trattamento dati personali|Commenti disabilitati su I partiti, i Sindacati e il GDPR

RTDP aziendale questo sconosciuto …

Con l’entrata in vigore del GDPR nasce una corrente di pensiero secondo cui, ancora non ho capito su che base, il RTDP aziendale non s’ha più da nominare.

Forse perché l’art. 28/679/2016, con riguardo alla sua nomina fa riferimento alla stipulazione di un contratto e, quindi, a qualunque altro atto giuridico? … e che per questo motivo suona male stipulare un contratto ad hoc nei confronti di un dipendente?
[A riguardo invito alla lettura del mio articolo: Il RTDP ed il DPO quali figure interne all’Azienda in adempimento al Reg. UE 679/2016 con riguardo al trattamento dei dati personali].

C’è, sembrerebbe, la naturale propensione a pensare, per il RTDP, esclusivamente ad un professionista esterno o ad una società di consulenza esterna, rispetto al TTDP (Titolare del Trattamento dei Dati Personali).

Se però pensiamo a tutte quelle organizzazioni che, indipendentemente dal ricorso ad un consulente, decidono di strutturarsi adeguatamente, è del tutto ragionevole che al proprio interno nominino uno o più RTDP (persone fisiche).

D’altra parte occorre ricordare che l’art. 4 definisce Responsabile del Trattamento dei Dati Personali (RTDP) la persona fisica (o giuridica, l’autorità pubblica, il servizio o altro organismo) che tratta dati personali per conto del titolare del trattamento e mi viene strano credere che, diversamente, la materia della protezione dei dati personali venga gestita e monitorata direttamente dal Rappresentante legale della società (di capitali) in tutt’altre faccende affaccendato.

Nei suddetti termini, allora, si scopre che la nomina del RTDP diventa necessaria e non più facoltativa, quanto meno per alleggerire le incombenze al TTDP.
Nomina, fra l’altro, ben più versatile di quella del RPD/DPO per la quale – a parità di altri presupposti – occorre dare idonee garanzie riguardo al rischio di possibili conflitti d’interesse.

Marcello Colaianni
DPO e Privacy Consultant KHC Certified […]

By |2018-05-17T16:37:43+00:00febbraio 1st, 2018|Marcello Colaianni, Privacy, Trattamento dati personali|Commenti disabilitati su RTDP aziendale questo sconosciuto …

Il Regolamento Ue 679/2016 e scadenza prossima

Il Regolamento Ue 679/2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, già in vigore dal 25 maggio 2016, troverà piena applicazione dal 25 maggio 2018.

Vuoi assicurarti che il tuo trattamento dei dati personali è conforme ai requisiti di legge?
Vuoi portarti avanti e certificare il tuo Sistema di gestione della protezione dei dati?
Vuoi evitare il rischio di incorrere nelle milionarie sanzioni pecuniarie?

Dimmi ciò che vuoi e, insieme, programmiamo un piano di azioni per essere pronto e sereno alla data del 25 maggio 2018.
Marcello Colaianni

By |2017-06-15T18:47:21+00:00giugno 15th, 2017|Marcello Colaianni, Privacy, Regolamento Ue, Trattamento dati personali|Commenti disabilitati su Il Regolamento Ue 679/2016 e scadenza prossima